Lettori fissi

25 giugno 2016

Torta svelta cioccomenta...

...e che il weekend abbia inizio!
Salve a tutti, e buon sabato...
Oggi volevo proporvi una torta veloce, golosa e fresca che darà una scossa alle vostre colazioni: una Torta Cioccomenta, velocissima da fare, e da spazzolare! Si tratta di una classica torta 7 vasetti, con un paio di ingredienti che faranno davvero la differenza! Per i pochissimi che non dovessero saperlo, la torta 7 vasetti è quella in cui il vasetto di yogurt che deciderete di utilizzare farà da dosatore per le quantità di tutti gli altri ingredienti. Ecco quindi ciò che ho utilizzato:
  • 1 vasetto di yogurt greco magro;
  • 1 vasetto di zucchero;
  • 3 uova;
  • 1 vasetto di olio di semi di girasole;
  • 3 vasetti di farina di farro;
  • 1/2 bustina di lievito;
  • 1 vasetto di sciroppo alla menta;
  • 125 gr di gocce di cioccolato.
Ed ecco la sveltissima preparazione:
  • Ho mescolato in una ciotola capiente lo yogurt, lo zucchero, le uova, l'olio, la farina mischiata allo lievito e lo sciroppo, amalgamandolo a lungo con lo sbattitore elettrico.
  • Ho aggiunto quindi le gocce di cioccolato, e le ho unite mescolando con una spatola.
  • Ho foderato due teglie di carta da forno, e le ho cotte in forno preriscaldato a 170° per circa 45', facendo la prova stecchino prima di sfornare.
  • Volendo, potete spolverare con dello zucchero a velo, o coprire con della glassa al cioccolato.
E' un dolce veloce da fare, ma di sicuro effetto grazie al colore brillante che non potrà non attirare adulti, ma soprattutto bambini. Poi, essendo una modificazione della classica torta di yogurt è un dolce che si presta bene per colazioni e merende, certamente più salutare dei classici dolci preconfezionati, ma altrettanto goloso! Inoltre, il gusto della menta nella torta è ben percepito, ma non troppo forte. Adatto, quindi, anche a chi non impazzisce per questo sapore.

Ancora, ne approfitto per ricordarvi la piccola iniziativa organizzata dal mio blog... se volete partceipare e non l'avete ancora fatto, potete cliccare sul banner qui sotto, e commentare il post che vi si aprirà...


Sperando di avervi dato anche oggi un utile consiglio, vi auguro un buon weekend e... a presto...

23 giugno 2016

Una dolce soddisfazione per me!

Salve a tutti...

questa sera volevo mostrarvi il bellissimo premio ricevuto da Emanuela e dal suo blog Dolci Ricette, per essere stata scelta fra le ricette vincitrici del suo contest di compleanno "I Dolci della Nonna".
Velocissimo, grazie anche allo sponsor dell'iniziativa Decora, che ha messo a disposizione i premi per i vincitori, è giunto a casa mia ieri pomeriggio un voluminoso pacco.


E, all'interno... lo splendido Gift Pack Kit Sweet Chocolate! Un kit professionale per creare deliziosi cioccolatini, che non vedo l'ora di inaugurare... beh, ovviamente lo farò non appena le temperature saranno meno torride!


Ringrazio ancora di cuore Emanuela per avermi ritenuta meritevole di questo delizioso, e vi do appuntamento a presto...

Ps: se volete, e non lo avete ancora fatto, potete partecipare al mio piccolo giveaway... vi basterà cliccare il banner sotto, e lasciare un commento al post  che vi si aprirà..

21 giugno 2016

Siamo tutti da... Psychiatric Circus!

Io non amo molto il circo. Gli animali mi mettono tristezza, i trapezisti mi procurano un senso d'ansia, i clown mi angosciano, con i loro faccioni dipinti di allegria artificiale.
Però, domenica sera ho letteralmente adorato lo Psychiatric Circus!

Non è, come è logico, un normale circo. Si tratta invece di uno spettacolo ambientato sì sotto il classico tendone, ma che ci trasporta in un manicomio degli anni 50, gestito da un medico esorcista, coadiuvato da un gruppo di suore. I pazienti classici ci sono tutti: il domatore con la fobia degli animali, il clown sboccato e crudele, l'intrattenitore con l'amico immaginario... Insomma, un variegato nonché verosimile panorama della fauna di una vera clinica psichiatrica.

Ispirato liberamente ad American Horror Story, lo Psychiatric Circus avviluppa più che per la "trama" per la bravura degli artisti, che intrattengono il pubblico con gag cabarettistiche accompagnate da giochi di giocoleria e spettacoli acrobatici davvero godibili. Qualche momento più serio c'è, in cui è più facile abbandonarsi alla riflessione, ma sempre assistendo alle ottime performance fisiche di ballerine e acrobati.

Fortissimo è il coinvolgimento del pubblico, con cui i "pazienti" interagiscono per tutta la durata dello spettacolo, trattandoli quasi come loro pari, cioè dei matti appena internati.
Insomma, una serata diversa, che mi divertito e affascinato, e che mi ha lasciato la voglia di assistere ad altri spettacoli di questi bravissimi artisti.

Lo spettacolo è in turnee da oltre un anno, quindi forse qualcuno di voi ha già assistito ad una di queste serate. Per chi fosse interessato, ecco le prossime date:
Trento, fino al 27 luglio;
Bolzano, 1-10 luglio;
Rovereto, 14-17 luglio;
Rimini, 3-27 agosto.






Le immagini sono tratte dalla pagina facebook ufficiale Psychiatric - durante lo spettacolo è vietato fare fotografie.

19 giugno 2016

Ti consiglio un film: Inside Out

Buongiorno a tutti, e buona domenica...
Ecco oggi un nuovo appuntamento con la rubrica Ti consiglio un film, e la pellicola scelta per oggi è Inside Out.

Qualche parola per raccontare la storia, o meglio le storie. Infatti il film si snoda su due binari. Nel primo, una ragazzina di nome Riley deve affrontare la prima delle prove della sua esistenza: un trasloco a causa del lavoro del padre, che la allontana da quello che ha sempre amato. Gli amici, i compagni della squadra di hockey, fino addirittura alla famiglia, che subisce il contraccolpo della nuova situazione. Nel secondo, incontriamo Gioia, Tristezza, Disgusto, Paura e Rabbia, le cinque emozioni che si agitano dentro la testa di Riley e che analizzano e archiviano le sue esperienze. A causa di un incidente in questa "centrale operativa", però, Gioia e Tristezza vengono strappate alla loro occupazione proprio nel momento in cui la ragazzina avrebbe più bisogno di loro, e si perdono all'interno dei meandri della sua psiche. E mentre la bambina combatte per "sopravvivere" al trasloco e alle novità, Gioia e Tristezza cercano disperatamente di tornare al loro posto, per aiutare la piccola nella sua evoluzione.
Il film è un vero, piccolo capolavoro. 
Da una parte si ride, e tanto, mentre ci si gustano i siparietti comici, soprattutto fra Rabbia e Paura, o mentre si vedono le menti dei genitori, anch'essi agitati dalle cinque emozioni principali. Dall'altra, la commozione non può evitare di presentarsi, ad esempio seguendo la storia di Bing Bong, l'amico immaginario della piccola Ridley.
Per non parlare delle scene finali... Io, lo giuro, non mi commuovo praticamente mai di fronte ad un film. Ma qui ho davvero sentire un groppo in gola.

Inoltre, rivisto sotto una chiave più "psicologica", si tratta di un piccolo trattato sulla crescita, e sul cambiamento. Dalla gioia e tristezza pura provate da bambini si deve scivolare alla commistione delle emozioni... così la gioia di aver vinto una partita non verrà più ricordata da sola, ma si mescolerà alla delusione per aver sbagliato il tiro decisivo, e la tristezza per non essere stata "l'uomo partita". Crescendo, infatti le cinque emozioni si trovano ad aver a disposizione una consolle di reazione e azioni sempre maggiore, per affrontare le nuove prove che verranno (Dopotutto, quanto può essere dura questa ADOLESCENZA?).
Insomma, se non avete ancora visto il film, adatto sia ad adulti che a bambini, ve lo consiglio proprio!
Titolo originale: Inside Out
  • Paese di produzione: Usa
  • Anno: 2015
  • Durata: 102 min.
  • Genere: fantastico, commedia drammatica
  • Regia: Pete Docter e Ronnie del Carmen

Per sorridere un po', poi, imperdibile sul dvd il piccolo cortometraggio nei contenuti speciali "Il primo appuntamento di Riley". In pochi minuti, una panoramica delle emozioni di tutta la famiglia, attorno a quello che rappresenta un evento che segna la modificazione degli equilibri all'interno della famiglia protagonista.
Avete visto questo cartoon? Che ne pensate?





Le immagini sono tratte dal web

16 giugno 2016

Un regalino per voi...

Salve a tutti!

Oggi un post un pochino diverso, che spero comunque apprezzerete in molti!
Ultimamente è per il mio blog un  periodo molto fortunato... infatti, ho partecipato sia ad un giveaway che ad un contest, e ho vinto  in entrambi!


Per questo, ho deciso di "condividere" un po' della mia fortuna... Infatti ho pensato di preparare per uno di voi un regalino... Un piccolo kit di cose che io ritengo possano essere utili per chi sta andando in vacanza... partendo da una piccola crema solare (per evitare insolazioni, se il bel tempo dovesse sbocciare violento come è previsto), passando ad alcune tisane adatte alla calura, fino a penna e blocco per segnare indirizzi e numeri di telefono dei nuovi amici che conoscerete in ferie... 
Purtroppo, potrò donare questo pacchettino a uno solo di voi... ecco le piccole regole che dovrete seguire per cercare di vincere:
  • Per motivi logistici, essere residente in Italia;
  • Scrivere un commento a questo post, indicando dove andrete in ferie, e cosa non mancherà proprio nella vostra valigia;
  • Non è obbligatorio diventare lettori fissi, ne' seguire la pagina Facebook, o Instagram. Naturalmente mi fareste cosa gradita, ma certo è una cosa libera. Idem per la condivisione dell'evento sui social.
  • Avete tempo per lasciare il vostro commento da oggi, alle ore 23.59 del 30 giugno prossimo.

Il 1 luglio, estrarrò uno dei commenti tramite random.org, e colui o colei riceverà il pacchettino, naturalmente a spese mie.

Mi farebbe moltissimo piacere vedervi partecipare numerosi!
Che dire... se non che vi aspetto qui, per il prossimo post!

Il premio è stato acquistato a spese mie, e verrà inviato al vincitore sempre a spese mie!

14 giugno 2016

Torta ai cioccolati e... forza Italia!

Ieri sera l'Italia ha esordito agli Europei, portando a casa la partita contro il Belgio.
Mi piace il calcio, ma le deprimenti prestazioni della Nazionale nelle scorse competizioni mi hanno lasciato l'amaro in bocca, e poca voglia di seguire le partite. Nonostante ciò, siamo riusciti comunque a ottenere la prima vittoria del torneo, e per festeggiare ho deciso di preparare una Torta ai Cioccolati... ad hoc!


Infatti, è stata l'occasione per provare il divertente stampo Tupperware in silicone a forma proprio di pallone! La ricetta è tratta da quella della Sacher Torte che mia madre ha imparato ad economia domestica, quando andava alle scuole medie. Inoltre ne ho approfittato per smaltire gli ultimi pezzi di uovo di pasqua...

Ecco gli ingredienti che ho utilizzato:

  • 100 gr di burro;
  • 80 gr di zucchero;
  • 150 gr di cioccolato al latte (io quella riciclata delle uova di pasqua);
  • 5 uova;
  • 1 bustina di vanillina;
  • 1 cucchiaino di bicarbonato;
  • 100 gr di farina di farro;
  • 1 presa di sale;
  • 1 bicchierino di brandy;
  • 1 vasetto di confettura (per me Confettura extra di mirtillo Nero e Pinot Nero di Fratelli Corrà)
  • 100 gr di cioccolato bianco.
Ecco come ho preparato la torta:

  • Innanzitutto ho ammorbidito il burro, sciolto a bagnomaria la cioccolata al latte, e separato in due diverse ciotole tuorli e albumi.
  • Quindi ho sbattuto i tuorli con lo zucchero, il burro, e la cioccolata precedentemente sciolta, che ho mescolato grossolanamente per farla raffreddare.
  • Ho unito la farina setacciata, a cui ho aggiunto il bicarbonato e la vanillina.
  • Infine, ho montato gli albumi a neve con un pizzico di sale, quindi li ho incorporati al resto dell'impasto, mescolando dal basso verso l'alto per non farli smontare.
  • Ho versato il composto all'interno della tortiera a forma di pallone, e l'ho fatta cuocere a 180° per circa 45 min.
  • Una volta sfornato la torta ho aspettato che si raffreddasse un po', quindi l'ho tagliata a metà e ho inzuppato con un bicchierino di brandy diluito con un po' d'acqua. Quindi ho spalmato la marmellata nella torta.
  • Infine, ho fatto sciogliere la cioccolata bianca e l'ho spalmata sulla torta .
Che dire? Se non buon appetito, e... forza Azzurri!

13 giugno 2016

I(l doppio) lunedì beauty: Crema mani Cien

Buongiorno a tutti, e buon inizio di settimana...
Il lunedì, come sapete, va iniziato in bellezza. E oggi lo facciamo con un doppio appuntamento beauty... cosa c'è sotto la mia lente, oggi?

  • Cosa sono?

Oggi parliamo della Crema Mani Fiori di Ciliegio Asiatico, e della Crema Mani Latte & Lavanda, entrambe prodotte da Cien.

  • Dove le ho prese?
Cien è una monomarca sottocosto, prodotta esclusivamente per il discount tedesco Lidl. 

  • Cosa c'è dentro?
Non ho trovato da nessuna parte l'inci, e sarebbe troppo difficoltoso copiarvelo (rischiando di fare anche qualche svarione... vi posto la foto della confezione, sperando che riusciate, se vi interessa, a leggerlo... io ho controllato sull'app ICEA Check che ho scaricato su Ipad, e si tratta di creme non bio, ma con buoni inci... 

  • Come le uso?
Come qualsiasi crema per le mani, spalmandone una piccola quantità sulla pelle. Soprattutto prima di entrare al lavoro (per chi non lo sapesse, sono cassiera e salumiera in un supermercato...)

  • Come sono?
Entrambe le creme sono disponibili in piccole confezioni molto belle alla vista, simili a tubetti di colori a tempera. Entrambe contengono 30 ml di prodotto, e hanno una durata dopo l'apertura di 12 mesi. Sono acquistabili da Lidl a 0,99 € cadauna. Entrambe le creme sono di colore bianco lattiginoso, e hanno una consistenza morbida ma non untuosa. Si differenziano per il profumo, uno di ciliegio, e l'altro di lavanda.

  • Cosa ne penso?
Mi sto trovando davvero bene con queste creme, che utilizzo da diverse settimane. La crema si assorbe molto velocemente, lasciando la pelle elastica e morbida, ma non unta. Sembra anzi lasciare un film sulla pelle, meraviglioso per chi come me lavora a contatto con sale, grasso e altre sostanze in grado di rovinare le mani. Alcune piccole pecche: la prima riguarda il tappo della confezione... davvero bella, a parer mio, ma incredibilmente scomoda per chi si trovasse a dover riavvitare il tappino sul tubetto con le mani unte di crema... e se dovesse per caso sfuggire di mano? Così piccino può rotolare e infilarsi ovunque, e chi si è visto si è visto... La seconda: il profumo. Buonissimo appena spalmato, ma tende a svanire dopo pochi minuti, lasciando un odore "neutro", all'incirca di sapone. A lungo andare, un po' fastidioso sentirselo addosso. Infine, come tutti i prodotti Lidl... Fino a quando li troveremo nei negozi? Io ne ho prese già diverse confezioni, con cui credo riuscirò ad arrivare all'autunno!

  • Consigliate?
Si,ve le consiglio. Si tratta di un buon prodotto, a basso costo, con un inci accettabile e una confezione simpatica. Credo che abbia tutti gli ingredienti per entrare di diritto in tutti i beauty case!

E voi? Conoscete o usate prodotti low cost, prodotti per i discount? Io ammetto che una volta ero scettica, ma ora mi rifornisco da loro per molti prodotti, alimentari e non...
A presto, con un altro post...

12 giugno 2016

Ti consiglio un film: Honeymoon

Giugno è uno dei mesi più gettonati da chi ha deciso di compiere il grande passo e andare all'altare. Per questo motivo, ho deciso di dedicare il "Ti consiglio un film" di oggi ad una "pellicola" intitolata Honeymoon.


La trama è semplice: Bea e Paul, una coppia di neo sposini, sceglie di trascorrere la propria luna di miele in un solitario chalet, sulla riva di un bellissimo lago, dove lei è cresciuta. Praticamente soli nella foresta, i due godono della vicinanza reciproca e delle bellezze offerte dalla natura, trascorrendo i primi giorni fra bagni, scampagnate e lunghe sessioni amorose.

Ma presto qualcosa si insinua fra loro. Bea ha qualcosa che non va, a poco a poco pare non essere più lei. E Paul, disperato, non sa più cosa fare...
Il finale, ovviamente, non ve lo dico. Vi consiglio solo, se amate gli horror e le storie un po' psicologiche, di procurarvi questo splendido film.

Girato al risparmio (L'ambientazione? Una casa sperduta all'interno di una enorme foresta. Gli attori? Quattro, contati!), Honeymoon non ha pretese se non quella di trascinarci in una lenta, inesorabile discesa fatta di inquietudine e angoscia. Non potrete non immedesimarvi in Bea, nella sua inarrestabile mutazione, ma sarete in egual misura accanto a Paul, condividendo la sua rabbia prima, e il suo smarrimento e il suo terrore dopo.
A mio parere, si richiama molto al preistorico L'invasione degli Ultracorpi, il classico di Don Siegel girato nel 1956, fortunatamente senza gli inguardabili "baccelloni" (idea ripresa anche in un film di Totò, e anche li sembra incredibilmente stupida!). Eguale rimane però il dolore, l'ansia, la disperazione di chi cerca di fuggire, ma ineluttabilmente capisce un po' alla volta di non poter poter evitare il proprio angoscioso destino.

Personalmente, ho acquistato il film in un "raptus" da Mediaworld, solo perché la protagonista è Rose Leslie, la bruta Ygritte del Trono di Spade, che adoro! Però il film è diventato immediatamente uno dei film preferiti del Moroso e mio, e lo abbiamo riguardato più volte con medesima partecipazione. Consigliatissimo. quindi, a chi però non ha problemi con situazioni horror o fortemente ansiogene.


Titolo originale: Honeymoon
  • Paese di produzione: USA
  • Anno:2014
  • Durata: 87 min.
  • Genere: horror, thriller
  • Regia: Leigh Janiak

Interpreti e personaggi:
  • Rose Leslie: Bea
  • Harry Treadaway: Paul
  • Benjamin Huber: Will
  • Hanna Brown: Annie

Ovviamente, su questo film, come capita sempre, ci sono pareri discordanti: voi l'avete visto? Mi piacerebbe sapere che ne pensate... o altrimenti, vi ho incuriosito?
A presto, con un'altro consiglio....


Le immagini sono tratte dal web

11 giugno 2016

DEGUSTABOX... E ANCHE LA SPESA E' A SORPRESA!

Salve a tutti, e ben ritrovati!

Chi mi conosce un po' sa quanto io adori le box a sorpresa. Per diversi mesi (ormai secoli fa!) sono stata abbonata alla My Beauty Box, provando prima la Glossybox nonché altre scatole a sorpresa più o meno artigianali. Le ho adorate, e grazie a loro ho scoperto un sacco di brad e prodotti di cosmesi a me sconosciuti, ma ho deciso di interrompere l'abbonamento per “accumulo di trucco”!

È stato però verso la fine dello scorso anno che la mia voglia di box è riemersa, prepotente, con l'arrivo in Italia di Degustabox.


Amore a primo assaggio!
La box costa 15,99 €, spedizione inclusa, ma grazie alle mille promozioni che circolano in rete potrete avere la prima a prezzo scontato. Ad esempio, se in fase di ordine inserite il codice DANIELAM-24 potrete ricevere la vostra box con uno sconto di 10,00 € (pagandola quindi solo 5,99 €). E' possibile ricevere una singola box, o fare un abbonamento semestrale, come ha fatto la sottoscritta...

All'interno della scatola, da 9 a 15 prodotti differenti, alcuni sconosciuti, altri meno. Comunque in ogni caso prodotti che sono lieta di assaggiare!
Vi mostro quello che ho trovato nella Degustabox di maggio, ricevuta puntuale a metà mese!

Chin8 Neri... l'ideale per un aperitivo analcolico...

  • Due bevande CHIN8NERI, nello specifico Chinotto e Limoncedro. Due bibite storiche del noto marchio, senza caffeina e con un'altissima percentuale di succo naturale. Ognuna ha un valore di 0,85 €.


  • Una confezione di Tortilla Chips SANTA MARIA (marchio noto già come Casa Fiesta, una garanzia per gli amanti della cucina messicana moderna), nel mio caso al gusto Chili. Dorate, cotte sopra la fiamma viva, senza additivi, né aromi artificiali, né lieviti, ma con olio di girasole e un pizzico appena di sale. Costo pari a 2,49 €.


Un bel bicchierone di tisana l'Angelica, ben gelata...
Un vero toccasana!
  • Una golosa novità GIUSTO SENZA GLUTINE, la Bontà di Pane Delicato. È il primo pane di frumento deglutinato, nato unendo i classici ingredienti della tradizione, quali olio di oliva e grano duro di Altamura, alla più avanzata tecnologia brevettata da Giuliani. Davvero buono e digeribile, anche lo zio Stefano ha approvato! Peccato che si tratti di un prodotto non facilmente reperibile, nonché abbastanza costoso (la confezione costa 5,95 €).


  • Le nuove Tisane in Infusione in acqua fredda di ISTITUTO ESTETICO L'ANGELICA. Non solo golose, ma anche funzionali, indicate ai bisogni tipici del periodo estivo, e a zero calorie. Io ho ricevuto la Sgonfiante Digestiva, e la sto sorseggiando proprio in questo momento. Davvero deliziosa! Una confezione costa 2,99 €.


  • Le classiche GOLEADOR, le doppie caramelle gommose che tutti abbiamo assaggiato almeno una volta nella vita. Queste sono in confezione da 10 pezzi, a gusto cola, dal valore di 1,00 €.


Le Goleador sono l'ideale da tenere in borsetta!
  • Direttamente dal FORNO BONOMI, produttore numero uno a livello mondiale di savoiardi, una golosa rivisitazione del classico biscotto: i Savoiardi Bihappy, una versione divertente e sorprendente al gusto combinato di vaniglia e cacao. Una confezione costa 1,59 €.


  • Senape Delicata DEVELEY, una salsa senza glutine, con un basso contenuto di grassi saturi e zuccheri, ideale per carni, salsicce e hamburger. Il vasetto costa 1,49 €.


  • Una bottiglia da 750 ml di Olio di Semi di Girasole PIAVE 1938, proveniente dalla spremitura di semi di girasole 100 % italiano NO OGM. La confezione ha un valore di 2,80 €.


  • Infine, CAFFE' VERGNANO Gran Aroma macinato per Moka. Una miscela robusta, dal gusto ricco e gustoso, ideale per la prima colazione. Bevuto nel pomeriggio, assieme ai miei genitori: consigliatissimo a chi ama i caffè forti! Il pacchetto da 250 gr costa 3,00 €.


Il valore totale della Box è, quindi, di 23,01 €, superiore ai 14,99 € che ho pagato (facendo l'abbonamento semestrale).

Personalmente sono davvero soddisfatta della scelta dei prodotti che ogni mese ci offre Degustabox. Soprattutto nelle ultime due, la presenza di prodotti di prestigiosi marchi gluten free ha davvero reso felici la mia famiglia e me.

So che qualcuno obbietterà che, facendo opportuni calcoli e spese oculate, nonché sfruttando le offerte speciali dei vari negozi, forse si può spendere meno per questi prodotti... ma io mi trovo molto bene con questa formula!

Che dire? Consigliatissima!
Anche noi siete delle vittime delle Box?
Per oggi vi saluto, e vi do appuntamento a presto!





7 giugno 2016

Torta di pane della nonna Amabile

In questo periodo di mio rinnovato vagabondaggio nel web mi è capitato di imbattermi in diverse iniziative che festeggiano i compleanni di blog e blogger...
Anche oggi sono qui con una ricetta preparata appositamente per un contest, quello organizzato da Emanuela per i 10 anni del suo blog, Dolci Ricette. 


Poiché il tema sono i dolci della nonna, ho deciso di farvi conoscere la Torta di Pane della nonna Amabile.
La torta di pane è un dolce povero, tipico della tradizione trentina, che poteva addolcire anche le giornate dei meno abbienti. Infatti, gli ingredienti principali sono proprio il pane raffermo e il latte, prodotti che era possibile reperire anche nella più misera casa di contadini.


La ricetta che prepara mia nonna Amabile è quella della zona della Val dei Mocheni, detta anche la Valle Incantata, una zona boscosa ricca di mirtilli e, a quanto si dice, di gnometti barbuti...

Gli ingredienti che ho utilizzato sono:
  • 2 piccole pagnotte rafferme;
  • 500 ml di latte;
  • 1 uovo;
  • 1 cucchiaio di farina 00;
  • 2 cucchiai di zucchero semolato;
  • 1 pugno di uva sultanina;
  • 1 cucchiaio di cannella;
  • 1 pizzico di sale.
Ed ecco come ho preparato la ricetta:

  • Innanzitutto, ho reidratato l'uva sultanina in una ciotola di acqua tiepida.
  • Nel frattempo ho spezzettato le due pagnotte, quindi le ho messe in una ciotola e le ho ricoperte da uno strato di latte in cui avevo precedentemente messo il pizzico di sale. Con una forchetta ho amalgamato i pezzi di pane, cercando di farli sciogliere il più possibile.
  • Ho quindi aggiunto l'uovo, lo zucchero, la farina e la cannella, mescolando bene con una forchetta. Se preferite, poiché la consistenza deve risultare abbastanza liquida, potete aiutarvi con una frusta di metallo.
  • Infine ho strizzato l'uva sultanina, e l'ho mescolata al resto della torta.
  • Ho preriscaldato il forno a 200° in maniera statica, ho versato il composto in una tortiera di 20 cm di diametro, che avevo precedentemente foderato di carta forno.
  • Ho cotto la torta per 40-50 minuti. Prima di sfornare, fate la prova dello stecchino: infilatene uno nella torta, se ne esce asciutto e pulito potete considerare la cottura ultimata.
  • In ultima, rovesciate la torta su un piatto, e spolverate la superficie ancora calda con un po' di zucchero semolato. Aspettate prima di gustarla: si tratta di un dolce morbido, "budinoso", che deve rassodare un po'.

    Sullo sfondo, le verdi montagne della Valle Incantata..
A casa mia, la torta di pane è un classico del riciclo, a cui ogni tanto nonna Amabile aggiunge della frutta secca o della cioccolata spezzettata, a seconda di "quello che passa il convento"!

Con questa ricetta, che spero vi abbia incuriosito, partecipo al contest di Dolci Ricette "I Dolci della Nonna"...
...e vi do appuntamento a presto...

6 giugno 2016

Un post per dire "Tanti Auguri!"

Anni fa, quando ero ancora una blogger piena di speranza (e decisamente più tempo a disposizione...), amavo cimentarmi in ricette per partecipare a vari contest organizzati dalle varie pagine e siti online.
A volte avevo buoni risultati, altre meno, spesso alla fine non riuscivo a editare il post in tempo e rimanevo a bocca asciutta, comunque... Durante quel periodo avevo partecipato al contest del blog Una fetta di Paradiso con una ricetta natalizia a base di frutta secca. Avevo quindi avuto modo di conoscere un sito davvero molto attivo, un concentrato di ricette e di dolcezze da far venire l'acquolina in bocca davvero solo alla vista delle fotografie. Valentina, la padrona di casa, oltre ad una pasticcera provetta, era costantemente impegnata in nuovi contest, da lei organizzati o a cui partecipava con altissimi risultati.


Poi, il mio blog è andato lentamente spegnendosi. Il tempo non c'era più, e neanche la voglia era la stessa degli inizi... e questo mondo è stato messo in stand by, fino a quando, poche settimane fa, è ritornata prepotente la voglia di fare, di tornare a scrivere e di ritrovare il gusto di perdersi nei meandri delle "cose buone" che tanti bravi e bei blogger offrivano ai miei occhi. 

Ed è così che sono tornata anche da Valentina e dal suo Una fetta di paradiso, e ho trovato questo suo giveaway di compleanno, in cui lei chiede di "dedicarle" qualcosa che amiamo... 

Ed è per questo che condivido ben volentieri uno dei momenti che aspetto più nel corse dell'anno: le passeggiate con gli amici, al tramonto, sul lago di Caldonazzo. Si tratta di un piccolo specchio d'acqua a pochi minuti da casa mia. Uno di quei posti in cui l'estate si può fare il bagno, assieme a turisti tedeschi e olandesi, stravaccati sulla ghiaia arroventata o sull'erba al riparo sotto le fronde degli alberi, mentre l'inverno si passeggia sulla rena, nel vento che soffia, circondati dalle papere che starnazzano alla ricerca di briciole rubate ai turisti.
Ma il momento migliore restano le serate di tarda primavera e inizio estate, quando l'aria è ancora fresca, i locali iniziano a riaprire, e addosso aleggia la voglia di levarsi i vestiti lunghi e mettere per la prima volta i piedi nell'acqua ancora fredda.



Con queste immagini, e queste sensazioni, auguro a Valentina e al suo blog Una fetta di Paradiso buon compleanno, e cento di questi giorni, tutti ricchi di dolcezze e grandi soddisfazioni!

E a voi tutti, uno splendido inizio di settimana, sperando di rileggerci prestissimo...

5 giugno 2016

Buona domenica... con una splendida iniziativa!

Buongiorno a tutti, e una splendida domenica!

Oggi volevo segnalarvi una bellissima iniziativa che ho appena scoperto, e che ci permetterà di conoscere tanti nuovissimi amici blogger...




Si tratta della splendida "Festa dell'amicizia" organizzata per tutti i blog dall'interessante pagina culinaria La Cuochetta e il Piccolo Chef. 

Naturalmente io sono corsa ad iscrivermi... sapete quanto adori conoscere tanti nuovi amici!

Con questa bella iniziativa vi saluto, e vi auguro una bellissima giornata!

2 giugno 2016

PIADINE LEGGERISSIME DELLO ZIO STEFANO

Buongiorno a tutti, e buon 2 giugno!

Per stare insieme questa giornata di festa, cosa c'è di meglio di un piatto veloce, sfizioso e leggero, come una buona Piadina?


Quella che vi propongo oggi è la versione gluten-free dello zio Stefano, adatta quindi ai celiaci, ma sfiziosa per tutti! Inoltre, non c'è nessun grasso, quindi si tratta di un piatto leggero!

Ecco gli ingredienti che ha usato per ottenere 14 piadine piccole:
  • 250 gr di Mix Pane dr. Schaer;
  • 50 gr di amido di mais (controllate che sia senza glutine!);
  • 1 cucchiaino di lievito istantaneo (controllate che sia senza glutine!);
  • 150 gr di acqua;
  • 1 generoso pizzico di sale.


Ed ecco il procedimento con cui le ha create:
  • Innanzitutto ha mescolato il Mix Pane dr. Schaer con l'amido e lo lievito.
  • Quindi ha sciolto il sale nell'acqua e lo ha aggiunto, un po' alla volta, alle farine, mescolando con le mani fino a che non ha ottenuto una palla dalla consistenza elastica.
  • Ha lasciato riposare il composto per circa un quarto d'ora, poi ha formato delle piccole palle che ha steso molto finemente con la mattarello. Per ottenere delle piadine di forma regolare, le ha tagliate con uno stampo rotondo, impastando e stendendo nuovamente i ritagli di pasta che ha via via accumulato.
  • Infine le ha cotte, su una pentola antiaderente, rigirandole di tanto in tanto finché sulla superficie non sono comparse delle bollicine marroni.

Per mantenerle calde e morbide, mentre finiva di cucinarle, ha impilate le piade pronte in una ciotola di metallo, e le ha ricoperte con uno strofinaccio pulito. In questo modo, le piadine rimangono splendidamente arrotolabili.
E come abbiamo farcite?
Giusto per rimanere in tema di leggerezza, con insalata, pomodoro e salsiccia! :-P :-P :-P


Sperando di avervi ingolosito, vi do appuntamento a presto!